Il Settore Convitto

Questo settore accoglie un centinaio di ragazzi e ragazze che frequentano le scuole superiori della città e che possono permanere in struttura dalla domenica sera al sabato pomeriggio, affidati a 6 educatrici e 9 educatori.

Il ruolo e i compiti dell'educatore

In questo settore, come vedremo anche in seguito, gli educatori lavorano in équipes, che costituiscono il punto di riferimento per il gruppo di ragazzi a loro affidato. Seguono i ragazzi lungo tutto l'arco della giornata, dal risveglio alla buonanotte. Più ancora che in altri settori la loro attività è diversificata e richiede competenze multiple poiché  i ragazzi sono lontani da casa per tutto l'arco della settimana e il Convitto diventa per loro "casa", luogo del vivere quotidiano.  L'educatore si occupa quindi  della gestione del quotidiano, delle attività del tempo libero (ricreative, sportive, culturali) e del supporto e della guida nello studio, aspetto importante soprattutto per i ragzzi più piccoli, che si trovano ad affrontare la duplice novità dell'ingresso in un nuovo ordine scolastico e la lontananza dalla famiglia. Attraverso questi momenti l'azione educante si svolge attraverso la relazione e si sostanzia  nell' ascolto e nell' attenzione ai bisogni, nel supporto nei momenti di difficoltà (piccoli o grandi che siano) ma anche nell''azione regolatrice delle dinamiche all'interno del gruppo (si vive in una comunità), affinché ciascuno possa trovare il suo spazio in un clima sereno e accogliente.

L'organizzazione educativa 

Questo settore al quale sono riservati il secondo ed il terzo piano della struttura, accoglie un centinaio di ragazzi e ragazze.
Il settore  è costituito da tre squadre, due di convittori ed una di convittrici. Molti degli spazi a loro disposizione sono di uso comune, mentre sono separate e non comunicabili tra loro dopo le 22.00 le zone che ospitano le camere da letto.
 I convittori e le convittrici possono svolgere le loro attività e venire supportate nei loro compiti scolastici da tutti gli educatori. Ciò nondimeno, per garantire punti di riferimento fermi ed una migliore qualità della relazione, i ragazzi sono stati divisi in tre gruppi affidati ciascuno ad una équipe educativa:  alle  cinque educatrici è stata affidata la squadra femminile, mentre le due squadre maschili sono state affidate a nove educatori divisi a loro volta in due gruppi.
L’assistenza notturna è assicurata dal lunedì al giovedì da tre educatori e il venerdì e la domenica da due; questa assistenza viene data, indifferentemente da tutti gli educatori ed educatrici, anche da quelli assegnati al settore semiconvitto.