Patto educativo di corresponsabilità

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’ CONVITTORI 

Gli educatori si impegnano a: 

  • creare un clima sociale positivo favorendo il rispetto, l’accettazione delle diversità, la maturazione dei comportamenti e dei valori, lo sviluppo delle capacità di ciascun convittore;
  • prevenire ogni forma di pregiudizio e di emarginazione e episodi di bullismo;
  • incoraggiare i convittori ad acquisire fiducia in loro stessi;
  • pianificare il proprio intervento educativo, prevedendo anche attività di recupero, sostegno e approfondimento;
  • realizzare le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche inserite nel POF, informando i ragazzi sugli obiettivi educativi nei tempi stabiliti;
  • comunicare con i ragazzi e le famiglie circa il comportamento ed eventuali problematiche legate alla vita convittuale e relazionali;
  • prestare ascolto ed attenzione ai problemi dei convittori, utilizzando le informazioni con riservatezza e a loro vantaggio;
  • applicare le sanzioni previste dal Regolamento di Istituto nell’ottica di una finalità educativa.

La famiglia si impegna a: 

  • seguire il percorso educativo dei propri figli partecipando alle attività di raccordo organizzate dal Convitto;
  • tenersi aggiornata su impegni, scadenze, iniziative e comunicazioni, controllando e firmando il libretto personale e le comunicazioni Convitto-famiglia fornite al convittore;
  • garantire la frequenza al Convitto dei propri figli limitando le assenze ai casi di effettivo impedimento;
  • in caso di prolungata assenza per malattia o per altri motivi, prendere contatti con il coordinatore di squadra per fornire adeguata informativa, nei limiti della privacy, al fine di limitare l’impatto dell’assenza stessa sui percorsi educativi;
  • rivolgersi al coordinatore di squadra e al Rettore in presenza di problemi educativi o personali tali da compromettere il benessere del proprio figlio;
  • prendere parte attiva e responsabile al percorso educativo del proprio figlio verificando con gli educatori il rispetto degli impegni di studio;
  • conoscere l’offerta formativa del Convitto e il Regolamento di Istituto;
  • intervenire, con coscienza e responsabilità, rispetto ad eventuali danni provocati dal figlio a carico di persone, materiale didattico, arredi, anche con il risarcimento del danno;

Il convittore/la convittrice si impegna a:

  • acquisire consapevolezza di far parte di una comunità di studio, di lavoro e di scambio in cui emerge la volontà di rispettare le idee, le diversità, i diritti e i doveri di ciascuno dei componenti;
  • conoscere e rispettare le regole (Regolamento di Istituto), gli impegni, gli orari, le consegne;
  • rispettare gli spazi, gli arredi e le strutture del Convitto, risarcendo, anche solidamente, i danni eventualmente arrecati;
  • tenere un comportamento corretto e rispettoso nei confronti di tutto il personale del Convitto e dei propri compagni anche nel corso di visite guidate e viaggi d’istruzione;
  • favorire la comunicazione Convitto-famiglia;
  • avere un ruolo attivo nella vita del Convitto, prestando attenzione alle proposte educative degli educatori, seguendo le indicazioni fornite e dimostrando lealtà nei rapporti interpersonali; 

[pagebreak]

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’ SEMICONVITTORI

Gli educatori si impegnano a:

  • creare un clima sociale positivo favorendo il rispetto, l’accettazione delle diversità, la maturazione dei comportamenti e dei valori, lo sviluppo delle capacità di ciascun semiconvittore;
  • prevenire ogni forma di pregiudizio e di emarginazione e episodi di bullismo;
  • incoraggiare i semiconvittori ad acquisire fiducia in loro stessi;
  • pianificare il proprio intervento educativo, prevedendo anche attività di recupero, sostegno e approfondimento;
  • realizzare le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche inserite nel POF, informando i ragazzi sugli obiettivi educativi nei tempi stabiliti;
  • comunicare con i ragazzi e le famiglie circa il comportamento ed eventuali problematiche legate alla vita convittuale e relazionali;
  • prestare ascolto ed attenzione ai problemi dei semiconvittori, utilizzando le informazioni con riservatezza e a loro vantaggio;
  • applicare le sanzioni previste dal Regolamento di Istituto nell’ottica di una finalità educativa.

La famiglia si impegna a:

  • seguire il percorso educativo dei propri figli partecipando alle attività di raccordo organizzate dal Convitto;
  • tenersi aggiornata su impegni, scadenze, iniziative e comunicazioni, controllando e firmando il libretto personale e le comunicazioni Convitto-famiglia fornite al semiconvittore;
  • garantire la frequenza al Convitto dei propri figli limitando le assenze ai casi di effettivo impedimento;
  • in caso di prolungata assenza per malattia o per altri motivi, prendere contatti con il coordinatore di squadra per fornire adeguata informativa, nei limiti della privacy, al fine di limitare l’impatto dell’assenza stessa sui percorsi educativi;
  • rivolgersi al coordinatore di squadra e al Rettore in presenza di problemi educativi o personali tali da compromettere il benessere del proprio figlio;
  • prendere parte attiva e responsabile al percorso educativo del proprio figlio verificando con gli educatori il rispetto degli impegni di studio;
  • conoscere l’offerta formativa del Convitto e il Regolamento di Istituto;
  • intervenire, con coscienza e responsabilità, rispetto ad eventuali danni provocati dal figlio a carico di persone, materiale didattico, arredi, anche con il risarcimento del danno;

Il semiconvittore/la semiconvittrice si impegna a:

  • acquisire consapevolezza di far parte di una comunità di studio, di lavoro e di scambio in cui emerge la volontà di rispettare le idee, le diversità, i diritti e i doveri di ciascuno dei componenti;
  • conoscere e rispettare le regole (Regolamento di Istituto), gli impegni, gli orari, le consegne;
  • rispettare gli spazi, gli arredi e le strutture del Convitto, risarcendo, anche solidamente, i danni eventualmente arrecati;
  • tenere un comportamento corretto e rispettoso nei confronti di tutto il personale del Convitto e dei propri compagni anche nel corso di visite guidate e viaggi d’istruzione;
  • favorire la comunicazione Convitto-famiglia;
  • avere un ruolo attivo nella vita del Convitto, prestando attenzione alle proposte educative degli educatori, seguendo le indicazioni fornite e dimostrando lealtà nei rapporti interpersonali;